Iniziare

Se sei alle prime armi e devi ancora conoscere il mondo delle scommesse o l'ippica Inglese questo spazio fa al caso tuo!

Ippica Uk

Per vincere alle scommesse dovrai conoscere il più possibile le statistiche, i fattori e molte altre cose. Questo farà la differenza tra una scommessa vinta e una persa!

Strumenti

Qui troverai ottimi strumenti per mettere in pratica la tua conoscenza. Così sarà possibile semplificare il tuo lavoro per trovare una scommessa vincente!

Value Bet

La value bet è uno dei fattori più importanti se non il più importante.

Questo perchè? Le scommesse, non finirò mai di dirlo, sono e rimarranno sempre delle scommesse, le gare si possono vincere per pochi centesimi di secondo e nel risultato finale rientrano moltissimi fattori, altrimenti vincerebbe sempre il favorito.

Ecco che la quota diventa importante, non tanto quanto la ricerca del cavallo vincente ma quasi, perchè se si pensa che un cavallo quotato a 10 (Value Bet) abbia le stesse possibilità di vincita del favorito quotato a 3, a quel punto varrà la pena puntare sul cavallo quotato a 10. Quindi trovare una Value Bet sarà complementare al procedimento di considerare un cavallo vincente in una determinata gara.

In poche parole bisogna trovare il giusto mix tra possibilità di vincere del cavallo e la quota disponibile.

Questo come lo si impara? Sicuramente con l’esperienza, capire quando sono più importanti certi fattori e soprattutto un buon studio delle rececard e della forma passata.

Infatti siamo noi a stabilire una Value Bet, la nostra conoscenza e il nostro convincimento che quel cavallo ha una quota troppo alta rispetto alle possibilità di vincere.

Sicuramente nel lungo termine paga molto di più una ricerca costante di Value Bets, perchè molto spesso i favoriti in una gara sono molto puntati (più la gente punta un cavallo e più la sua quota scende) e di conseguenza hanno una quota leggermente più bassa rispetto a quella che dovrebbero avere. Le Value Bets invece hanno una quota più alta (nel caso noi volessimo puntare, discorso inverso per chi ama bancare) e proprio quella piccola percentuale in più sarà determinante per una vincita nel lungo termine.

A volte è possibile considerare un favorito una Value Bet, spesso nel pre gara le quote sono molto “ballerine” e variano di molti “tick”. In quel caso è possibile trovare una quota appetibile secondo la nostra convinzione che il cavallo vinca.

Spesso sul web si trovano guide molto superficiali legate alla strategia di puntare il cavallo che ha la maggior variazione di mercato verso il basso, cioè parte da una quota superiore e nell’arco della giornata scende fino a diventare un favorito o tra i primi favoriti. Questi si chiamano “Steamers”. Viceversa i cavalli che salgono molto di quota vengono chiamati “Drifters”.

Questa strategia però, non porta a nessun profitto nel lungo termine. Anzi, secondo una statistica Betfair di qualche anno fa, analizzando 5644 gare durante un annata, puntando, i risultati furono i seguenti.

Drifters 2233 bets +231 punti di profitto
Steamers 3131 bets -349 punti di perdita

Ecco un esempio di Steamer e una possibile value bet per chi banca (Lay).

 

 

Qui invece un esempio di Drifter e una possibile value bet per chi punta (Back).

 

 

Tutto ciò ci aiuta a capire quanto importante sia la quota e la possibilità che un non favorito vinca la gara.

Io personalmente consiglio sempre di focalizzarsi su gare dove non ci sono dei favoriti con quota molto bassa (inferiori a 3 a due favoriti con quota inferiore a 4) ma prendere in considerazione prima le gare più equilibrate e cercare un “outsider” che abbia molte possibilità di vincere ma anche una buona quota!

Per maggiori informazioni sul movimento delle quote ci sono numerosi servizi online gratuiti che registrano e analizzano i movimenti durante la giornata e anche in tempo reale tra i vari bookmakers e exchanges, dando la possibilità di trovare chi offre una quota migliore e magari una value bet.

Se invece volete una spiegazione in inglese consiglio questo articolo sulle value bet.